Insalata di Conchiglie al Tonno,pomodori e olive


In una terrina mettete il tonno, le olive,( profumo d’aglio e di cipolla),Sedano e carote a pezzetti piccoli piccoli,
olio d’oliva,sale, pepe e origano. Lasciare riposare almeno un’ora. Cuocere la pasta al dente , scolatela e passatela sotto l’acqua fredda , asciugatela con uno strofinaccio. Unitela nell’insalatiera e mescolate bene aggiungendo foglioline di basilico a volontà !!!( poca pasta … Molto condimento)!!!!! Ottima con il caldo e quando si riceve in terrazza!!! B

Continue Reading

Penne al Pomodoro e Formaggio di Capra

In un tegame rosolare l’aglio in olio extravergine d’oliva,aggiungere I pomodorini tagliati a meta’, olive e capperi…. dopo 5 mn. versatevi sopra la pasta ed I caprini…rigirare con abbondante basilico… Se necessario un po’ d’acqua di cottura della pasta!!!!

Continue Reading

Un Buon Piatto di Pasta

Un Lunch, un Dinner, un Brunch!  Successo assicutato?? Per fare un buon piatto di Pasta ci vuole la Pasta e molta Fantasia!  Ho pensato di velocizzare ll risultato finale con delle foto il piu possibile esplicative  dove si individuino subito gli ingredienti..e I dosaggi… A meno che non siano paste fredde: 1) cuocere la pasta in abbondante acqua salata
2) assaggiare il grado di cottura, scolare immediatamente   la pasta e padellarla per pochi minuti con il sugo scelto,
unendo a piacere(olio extravergine d’oliva o burro e Formaggio parmigiano reggiano)  Questa e’ la base…. La Fantasia , e qualche dritta,la  Uniremo volta per volta!  Seguendo anche le stagioni !!!!

Continue Reading

La Pasta

Luci, colori, profumi, aromi …

La pasta è l’elemento femminile della tavola. Essa accoglie. Si tratti d’un “sugo” sontuoso o d’un condimento rusticano, lo recepisce amabilmente. Gli ingredienti assai saporosi, al contrario, affermano se stessi con virile decisione. Si dichiarano con prepotenza e possono esser contrastati o completati solo da sostanze di uguale, guerresca invadenza, L’altra si pone – mai s’impone – in umile (all’apparenza) epperò sorniona attitudine. Sembra tirarsi in disparte ma astutamente domina il campo delle cosuetudini alimentari italiane e, ormai, planetarie.

La pasta è disponibile. Conduce il gioco fingendo di soggiacere. Dando a credere di subirlo.
Essa stessa è invece il variegato fondamento di quell’esercizio gastronomico che, coll’intingolo, produce lo squisito cibo finale. Da buona madre dispensatrice, lo partorisce.

Docile e reattiva, la pasta. Solo ad occhi stolti, dimessi. Mai sottomessa, in realtà supporta il “sugo” ma non soggiace. Essa “abbraccia” come un immenso alveo. Avvolgente perché, mai inerte, è sensibile a ogni stimolo.

Non subisce bensì incontra, armonizza, integra, cerca la fusione e il completamento invece della sterile, marziale opposizione.

S’intride, s’imbeve d’ogni umore.

Come la Terra che, non a caso, era attributo delle dee greco-latine dei cereali, da cui pur la pasta discende.

Infinitamente versatile, la pastasciutta. Adattabile ad ogni situazione, condimento, accompagno, vino. Camaleontica. Chiara e cangiante come un elemento lunare nella costellazione alimentare. Ci conquista con la tenerezza cordiale dell’accettazione.

Usa le armi del ricevere e sedurre in luogo che del pretendere e possedere. Quasi non basta a se stessa ma le basta poco: in antico, solo un po’ di cacio grattato.
E si dispone al molto, alle più fervide invenzioni che il capriccio o la tradizione gastronomica possono suggerire. Il suo segreto è in quest’inesauribile disponibilità, nella proteiforme mutevolezza di esiti possibili.

Ritrosa ma voluttuosa. Schiva al gusto, la pastasciutta è prorompente al tatto.

Una sensualità ch’è sotto il segno del contatto carnale, della pura e appagante consistenza.

by Alberto Buratto

Continue Reading